RIFIUTO DIFFERENZIATO

Home Su Mostra

Barboni    “I am the tramp”

Un “popolo” affacciato sul vuoto, a cavallo di un abisso segna­to da dolori ottusi e povertà tenaci: sono i senza dimora, ‘quelli che solitamente chiamiamo «barboni» o vagabondi. Sono tanti: secondo i rapporti e le stime più autorevoli, calcolando anche i nomadi, gli alloggi impropri, gli immigrati con sistemazioni di fortuna, si arriva a mezzo milione di persone che vivono un forte disagio abitativo. Quelli privi di casa a tutti gli effètti sono 60-90 mila, altri 40-60 mila sono alloggiati provvisoriamente in servizi pubblici o case di accoglienza del volontariato.
Sono dunque molti gli uomini e le donne che vivono in strada, ma di giorno non si vedono quasi, non si sa dove stiano. Non amano la luce, forse perché i loro corpi non fanno ombra, come i fantasmi sono attraversati dagli sguardi senza essere visti. Forse perché hanno vergogna di trascinarsi in mezzo agli altri, pesanti e infagottati di stracci, carichi dei loro preziosi sacchetti con qualche torsolo di cibo e, più facilmente, un cartone di vi­no, buono a scaldare d’inverno e a intossicare sangue e memoria tutto l’anno.
Vite prive di oggetti, di cose, oltre che di case; non, hanno nulla che tenga fermi in un posto, che non sia una panchina più riparata o la parrocchia vicina col piatto di minestra e il pezzo di pane.
Vite di strada e di notte. Vite di uomini e, sempre di più, di donne; di anziani ma, sempre più spesso, anche di giovani.
Vite di persone che hanno scelto e pagato l’illusione di essere li­bere, ma, ormai soprattutto, di persone malate, scacciate e schiacciate: tossicodipendenti, malati di AIDS, usciti dal carcere e dimessi dai manicomi, immigrati, disoccupati, sfrattati, senza famiglia, emarginati per cause diverse. “Barboni” per forza, senza poesia e senza giustizia.
Vite da barboni, che fanno venire alla mente quella pubblicità-progresso contro l’abbandono dei cani che dice: «bastardo sarai tu». E «barboni”, in effetti, siamo noi, società civile, ordinata e produttiva, ma anche distratta e indifferente riguardo a chi non ce la fa, a chi s’è fermato, s’è perso o, meglio, è stato messo da parte perché non disturbi la vista e non turbi la coscienza.
Queste figure rannicchiate che vi propongo, questi abi­tanti della notte e della strada, questo popolo delle stazioni e delle panchine, non sono solo fotografie: sono uno scossone al nostro intorpidito senso di giustizia, un richiamo al diritto di cia­scuno di avere un posto, un nome, un’identità, una residenza; o, di più e meglio: una dignità, una speranza.
Uomini e donne, giovani e anziani, sani e malati: cittadini, come ogni altro di noi, costretti a chiedere una minestra o una moneta perché non hanno ricevuto attenzione e risposte quando hanno chiesto diritti e giustizia, quando hanno chiesto lavoro o assistenza, una casa o una cura, un asilo o un permesso di soggiorno. Quando hanno chiesto le parole per chiedere e non le hanno trovate, perché non hanno potuto impararle. Sottratte anch’esse, povertà aggiuntiva e ancor più forte di quella ma­teriale. Così che, questi poveri estremi, oltre che invisibili sono anche silenziosi, per incapacità o per rinunzia. Pensateci: è difficile che chiedano o che si arrabattino a vendere cianfrusaglie o a lavare i vetri. Non disturbano, stanno rattrappiti in un, angolo oppure camminano, sempre discreti e trasparenti, sulla strada; itineranti proprio come una mostra fotografica o un circo equestre.
Vengono questi ribelli, questi dimissionari della convivenza, questi emarginati dalla ipocrita decenza, questi esiliati dal pote­re mercantile — la banale civiltà, l’angustia sociale che nomina barboni o in altri modi uguali questi che hanno abbandonato il campo, violato la dura legge dell’avere — vengono da lontano nella storia, da oscuri medioevi di carestie e pesti, d’empietà e di violenza, vengono dalle piazze di Londra, Parigi o di Milano, da sotto arcate di ponti, da corti dei miracoli, bruegheliane quaresime, cortei di cenci, di cecità e di piaghe, da alberghi di carità, ghetti di decenza.
Sono i barboni, nella trionfante storia nostra d’oggi, incongrue presenze, segno dei nostri ritardi, dei nostri fallimenti. Sono simbolo, nelle interne fratture, della più vasta, crudele frattura nel mondo, profezia inquietante d’un medioevo incombenti.
I cambiamenti di questo mondo, la crescita dei “barboni per forza”, ci dicono però che spesso basterebbe poco a farli ritrarre dall’abisso e dal vuoto, dalla solitudine e dalla paura. Basterebbe la cura per chi è malato, l’accoglienza per chi è drogato, un’opportunità di lavoro per chi è disoccupato. Un sostegno vero, insomma, più che le buone parole o il rifugio nella scusa, statisticamente sempre meno vera, che sono loro, barboni per scelta, a non volere una casa e una vita normale. Perché se non sappiamo dare loro un po’ di giustizia, anziché una facile pietà, i veri barboni siamo noi.

Home | Zingari storia.... | Rifiuto differen... | Lo stimolo del... | Omettere il ricordo | Coesistere